Foto-3-copia

Storia

1985
1999
2000
2011
2012
2015
Tiziano Caminati fonda il Salumificio

La storia

Tutto è iniziato con i salumi, quando nel 1985 Tiziano Caminati decise di far leva sulla tradizione norcina dell’Appennino Romagnolo per offrire carni stagionate di alta qualità. Nasce così il Salumificio del Fumaiolo, ambasciatore dell’eccellente tradizione gastronomica romagnola.

Ma in Romagna, si sa, un buon salume non può che essere accompagnato dalla piadina. Continuando a percorrere la strada della genuinità e delle cose buone, il Salumificio si evolve e diventa anche Pastificio: nel 1999 parte la produzione di paste classiche, fatte a mano e senza conservanti, e di piadina. Una piadina leggera – con l’olio di mais al posto dello strutto – e confezionata a spicchi. Una ricetta e un formato che hanno contribuito al successo del prodotto.

Con una nuova gamma a disposizione il Salumificio Pastificio del Fumaiolo avvia anche una linea dedicata al Catering di qualità, mettendo al servizio della ristorazione la grande esperienza delle azdore romagnole, l’accurata ricerca delle migliori materie prime e quella giusta dose di innovazione che permette di tenere la tradizione al passo coi tempi.

L’artigianalità, l’amore per il territorio e la passione per la tradizione gastronomica caratterizzano da sempre l’attività aziendale. Ed anche per questo i prodotti del Fumaiolo hanno conquistato il favore di massaie e palati esigenti, capaci di riconoscere la qualità proposta.

Nel 2012 le produzioni si sono trasferite nel nuovo stabilimento di via dei Laghi, sempre ad Alfero. Qui operano 35 addetti, che sviluppano la produzione artigianale di Fumaiolo capace di sfornare 25 milioni di piadine all’anno.
Seguendo il solco della tradizione, sulle paste è stata condotta un’attenta ricerca che ha permesso di ampliare la proposta con ripieni sempre più deliziosi e sopraffini. Una ricerca che non si è ancora fermata e che promette di regalare presto altre sfiziose novità, coniugando gusto, freschezza, genuinità e salute.

Dal primo Salamino del Fumaiolo – un po’ il marchio di fabbrica del salumificio – di strada ne è stata fatta parecchia. L’azienda resta a conduzione familiare, con Tiziano affiancato dal figlio Alessandro, ma gli obiettivi sono sempre più ambiziosi: dopo essersi consolidata nel centro-nord Italia ed aver rafforzato la presenza anche nella Grande Distribuzione, ora Fumaiolo è pronta ad esplorare il mercato estero puntando sulla forza del Made in Italy e la qualità dei propri prodotti.